20090110

Amore, perdono

L'amore si sperimenta spesso, direi sempre, nella vita. Man mano si succedono esperienze che ne fanno apprezzare le gioie, ma che lasciano immaginare, fino a che l'amore resta terreno, che esso sia come la classica medaglia dalle due facce. Capita di voler sperimentare l'amore e di trovarsi costretti a fare i conti con l'odio, il peggiore dei sentimenti, che sta proprio lì, ad un passo dal più bello, come se fosse l'altra faccia della stessa medaglia.
Quando si diventa grandi si può avere la fortuna di sperimentare un altro amore, quello per i figli, ed è scontato che non conta l'averli generati o adottati. Non conta proprio nulla. E' allora che si capisce che c'è un amore che non prevede un'altra faccia dietro. Dietro quell'amore c'è altro amore, e a fianco amore, e sopra e sotto solo amore. Un figlio potrebbe decidere di uccidere suo padre con un pugnale, è capitato, ma suo padre lo starebbe già perdonando durante lo stesso scellerato gesto.
Dietro l'amore, dove ci si aspetta l'odio, si trova il perdono.
Altro amore.

4 commenti:

miti ha detto...

è che l'amore è comunque tondo. e non può avere altre facce. io lo credo in senso assoluto.

sblogged ha detto...

Anch'io lo credo, se parliamo di quello vero. Grazie!

Allure ha detto...

Non credo che l'odio possa essere un'altra faccia dell'amore, con cui nn ha niente in comune. Penso che nn solo nel vincolo filiale, ma anche in quello matrimoniale si giunga a perdonarsi tutto, reciprocamente. Almeno spero. ciao

sblogged ha detto...

Io ho sperimentato l'odio partendo da sentimenti che avevano sicuramente a che fare con l'amore. Questo non ritengo che mi potrà mai accadere con uno dei miei figli. Tutto qui.